Il centrifugato di frutta e di verdura: più sani e leggeri

#atavola/#cepiugustoastarebene/#infamiglia/#nellosport

Il centrifugato di frutta e di verdura: più sani e leggeri

E’ buono, leggero e fa bene: ecco perché il centrifugato di frutta e verdura è un (gustoso) e prezioso alleato della nostra salute

 

Quante volte vi siete sentite dire da piccoli che una medicina era tanto più cattiva quanto più faceva bene alla salute? Ebbene, per fortuna questo detto è ormai stato messo in soffitta, perché oggi abbiamo capito che non mancano cibi e bevande fresche, gustose, creative che sono anche salutari e benefiche. Di questa provvidenziale categoria di alimenti fanno senza dubbio parte i succhi di frutta e di verdura con tutte le sostanze nutritive, vitamine in testa, che contengono. E ciò è tanto più vero quanto più il succo è fresco, appena preparato e fatto con “ingredienti” genuini. Ecco perché la centrifuga, l’ormai comune elettrodomestico che permette di ricavare il succo dai diversi vegetali, è un prezioso alleato per la nostra salute e il centrifugato, ovvero il succo fresco ottenuto con essa, sta sempre più diventando un must di una dieta sana. Come anche lo smoothie, il centrifugato è in effetti una bevanda dai molteplici effetti benefici: disintossicano e depurano l’organismo, possono contenere antiossidanti (specialmente le verdure), contengono sali minerali, enzimi e vitamine. E sono anche buoni, freschi e, generalmente, a basso contenuto calorico, una variante delle macedonie di frutta, perfette per questa stagione.

Centrifugati di frutta e verdura: caratteristiche e benefici

Il centrifugato, quindi, rispetto al “parente” frullato, contiene solo ed esclusivamente il succo estratto dal vegetale prescelto attraverso un apposito elettrodomestico, la centrifuga appunto, senza aggiunta di altri ingredienti presenti invece nel frullato come latte o zucchero. La ricetta di un centrifugato consiste quindi semplicemente nel “mixare” frutti o verdure diverse per ottenere mix di sapori o puntare a specifici risultati: avremo così un centrifugato depurativo, o dimagrante o contro la stitichezza, e così via. Rispetto al succo di frutta “comprato”, il centrifugato ha un solo ma fondamentale vantaggio, quello di essere preparato appena prima di essere bevuto, il che, oltre all’ovvio controllo sulle “materie prime” e sulla loro genuinità, permette anche di mantenere intatte tutte le proprietà benefiche che lo contraddistinguono e che tendono a “disperdersi” in poco tempo: vitamine e minerali in particolare sono più efficaci se consumate subito, mentre perdono rapidamente le loro caratteristiche se non consumati in fretta. Altro aspetto importante è la loro alta assimilabilità, dovuta al fatto che verdura e frutta centrifugate perdono la loro parte fibrosa diventando immediatamente assorbibili dall’organismo.

Centrifugati e calorie

Altra caratteristica importante di un centrifugato è la sua leggerezza, dovuta al basso contenuto di calorie rispetto alla “densità” di sostanze nutritive possedute, cosa che lo rende estremamente salutare. Naturalmente tale affermazione è più o meno vera a seconda dell’ingrediente (o degli ingredienti) scelto. In generale i centrifugati di verdura sono meno calorici dei “cugini” di frutta: 15-25 calorie di media contro 40-50 per 100g. Il record assoluto spetta al sedano che scende fino a 8 calorie, il pomodoro si assesta intorno ai 20, poco più del cetriolo che è circa a 18; il finocchio sale a circa 30, mentre carote e carciofo sfiorano le 40. Il centrifugato di fragole è circa a 33 calorie, quello di arancia a 42, quello di mele intorno ai 50.

fonte: unadonna.it